Ricovero tramite Servizio Sanitario

Ricoveri autorizzati dalle Aziende USL toscane

Dal 2017 l’autorizzazione all’accesso nelle RSA della Toscana avviene in regime di “libera scelta”.
Il cittadino non autosufficiente dovrĂ  anzitutto rivolgersi, anche tramite i familiari, ai servizi sociali del proprio distretto sociosanitario.

L’Unità di Valutazione Multidimensionale del proprio distretto, accertati i requisiti per l’ammissione in RSA, rilascerà un buono (“voucher”) spendibile in una qualsiasi delle RSA toscane accreditate. L’elenco delle RSA accreditate, con la disponibilità dei posti, i servizi offerti, le rette praticate da ciascuna di esse ecc., è disponibile sul sito web curato dall’Azienda Regionale di Sanità.

Una volta confermata la scelta per Santa Chiara, l’ammissione viene concordata con la Referente per le accettazioni, l’assistente sociale e i familiari dell’ospite, nonché con l’ospite stesso se capace di esprimere il proprio consenso. Un’équipe multidisciplinare interna valuterà la condizione dell’ospite all’ingresso e nei giorni seguenti, al fine di predisporre possibili percorsi riabilitativi individualizzati.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE A SANTA CHIARA:

La domanda può essere spedita a Santa Chiara ASP – Borgo S. Stefano 153 – 56048 Volterra (PI), oppure inviata per fax al n° 0588-86984 o tramite e-mail a uffici@santa-chiara.it.

Retta socio alberghiera:

Quota giornaliera per l’anno 2021:

€ 57,00 (*)

(*) Retta massima. Per i ricoveri autorizzati con buoni/voucher (DGRT 995/2016), è compito del servizio sociale dell’Azienda USL di provenienza dell’ospite stabilire l’eventuale compartecipazione al pagamento della retta. Il calcolo della compartecipazione avverrà sulla quota standard di € 53,50.

Cure intermedie

All’interno della nostra RSA Santa Chiara ci sono due posti di cure intermedie in convenzione con l’Azienda USL Toscana Nord Ovest.

Il servizio è dedicato a pazienti:

  • che si trovano al proprio domicilio e che presentano problematiche sanitarie per le quali la possibilitĂ  di assistenza domiciliare non offre garanzie sufficienti;
  • in dimissione dall’ospedale, ma che non sono in condizioni di poter essere adeguatamente assistiti al proprio domicilio, per complessitĂ  del quadro clinico e/o con insufficiente supporto familiare.

Per accedere al servizio di cure intermedie:

  • le persone che si trovano al proprio domicilio possono richiederlo al proprio Medico di famiglia, che sottoporrĂ  la valutazione al responsabile delle attivitĂ  distrettuali dell’USL Toscana Nord Ovest;
  • le persone ricoverate in ospedale possono accedere su proposta del Medico ospedaliero.

Il costo è a totale carico del Fondo Sanitario Regionale.